Le friselle

Conoscete le friselle? o freselle, o frise o chissà quale altro nome a seconda del posto dove vengono gustate. Le più buone che ho mangiato sono state quelle di Cucullaro, una località dell’Aspromonte, ma sono buonissime quelle pugliesi, quelle campane, della Basilicata ed più in generale sono buone tutte, anche perché dipende dalla qualità delle farine con cui sono preparate e dagli ingredienti con cui si decide di accompagnarle.

Ora non per vantarmi, 😎 ma anche quelle che ho fatto io sono buonissime! 🙂   L’idea di farle mi è venuta grazie al gioco dello scambio ricette delle bloggalline, questo mese sono stata abbinata a Natascia che fa dei dolci strepitosi e non solo. E quando scorrendo il suo blog ho visto le friselle, non ho esitato un attimo.

Non solo perché mi piacciono ma anche perché ho usato il lievito madre per farle. Oh, questo lievito madre è un portento, sono così fiera di come l’ho preparato e di come sta crescendo, che impasterei tutti i giorni qualche cosa. E lo farò, visto quanto tempo ci troviamo a gestire ultimamente, nostro malgrado.

Natascia per le sue friselle ha utilizzato farina integrale, io invece  ho impiegato una percentuale di farina di segale integrale e un’altra di semola di grano duro.

Le ho condite con pomodorini, origano, basilico e un giro d’olio ma ci si può sbizzarrire: si può aggiungere tonno, olive, capperi; formaggio morbido e salmone; verdure grigliate; mozzarella, burrata o stracciatella come quelle di Natascia. A me piacciono anche solo con sale, origano e olio. L’importante è bagnarle e per farlo è sufficiente immergerle pochi istanti in una ciotola piena di acqua, si inumidiranno in modo omogeneo.

Vi lascio la mia ricetta e vi consiglio poi di passare dal blog di Natascia “Poesie di zucchero e farina“: solo il nome è tutto un programma!

Print Recipe
Le friselle
Croccanti e appetitose
Porzioni
10 friselle
Ingredienti
  • 270 g di farina di semola di grano duro
  • 80 g di farina di segale integrale
  • 120 g di lievito madre rinfrescato (se usate il lievito di birra secco ne basteranno 6-7 grammi
  • 150 g circa di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
Porzioni
10 friselle
Ingredienti
  • 270 g di farina di semola di grano duro
  • 80 g di farina di segale integrale
  • 120 g di lievito madre rinfrescato (se usate il lievito di birra secco ne basteranno 6-7 grammi
  • 150 g circa di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
Istruzioni
  1. In una ciotola sciogliete il lievito in metà dell'acqua tiepida, aggiungete lo zucchero poi le farine. Mescolate, aggiungendo man mano altra acqua fino a far amalgamare tutto il lievito e ad ottenere un composto morbido e sodo. Solo alla fine aggiungete il sale. Se usate la planetaria lavorate fino ad incordare gli ingredienti, se invece impastate a mano, dopo aver inserito gli ingredienti, portate l'impasto su un piano di lavoro infarinato e lavoratelo piegandolo su se stesso più volte per favorire la successiva lievitazione. Mettete l'impasto in una ciotola leggermente infarinata, copritelo e lasciatelo lievitare fino al raddoppio.
  2. A lievitazione avvenuta dividete l'impasto in 5 panetti. Allungate ogni panetto in bastoncini e trasferiteli sulla teglia dove cuoceranno rivestita di carta forno. Fate lievitare ancora un'oretta.
  3. Riprendeteli e chiudete ogni bastoncino a ciambella. Lasciate lievitare ancora una mezz'oretta poi infornate a 190° per circa 25/30 minuti. Estraete la teglia dal forno, con un coltello dividete a metà ogni ciambella e rimettete in forno abbassandolo a 180° per circa 20 minuti, comunque fino a quando saranno ben cotte e dorate.
  4. Lasciatele raffreddare poi conditele a vostro piacimento.
Recipe Notes

Per avere delle friselle ancora più particolari, potreste aromatizzare l'impasto o parte di esso con semi di finocchio, pepe, semi di anice, cumino. In questo modo saranno proprio le vostre friselle, quelle che vi piacciono di più!

 

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.