Confettura di fragole favette

una profumata confettura di fragola favette

Semplicemente confettura di fragole. Quelle piccole e dolci, che io ne devo comprare sempre due o tre vaschette insieme, perché mentre le lavo me le mangio e poi non ce n’è più per gli altri.

Quando sono potuta uscire nuovamente, dopo il confinamento, c’erano già le fragoline, quelle che generalmente si trovano un po’ dopo, prima arrivano le fragole siciliane, grandi e buone poi, qui da noi, arrivano le fragole favette di Terracina, piccole e dolcissime; hanno origine francese e  in Italia si coltivano nell’Agro Pontino.

Quest’anno è stato differente, sono passata dalle mele invernali alla frutta colorata dell’estate.  E allora ho deciso di conservarla, così da ricordarmi questo sapore buonissimo, che fa sognare l’estate e poi le vacanze, che chissà come saranno quest’anno.

La ricetta di questa confettura è semplicissima, seguo ormai da molto tempo il metodo Ferber (lo spiego qui) perché ritengo che in questo modo la frutta riesca a trattenere tutto il suo sapore e colore.

Inoltre per motivi di salute non uso tanto zucchero, per questo le mie confetture non sono mai compattissime, ma facilmente spalmabili e soprattutto squisite.

La colazione, la merenda o le crostate avranno un  sapore migliore.

una profumata confettura di fragola favette

Print Recipe
Confettura di fragole favette
un vasetto di bontà
Porzioni
3 vasetti
Ingredienti
  • 850 g fragole
  • 300 g zucchero semolato
  • 1 mela
  • il succo di un limone
Porzioni
3 vasetti
Ingredienti
  • 850 g fragole
  • 300 g zucchero semolato
  • 1 mela
  • il succo di un limone
Istruzioni
  1. Lavate benissimo le fragole e lasciatele scolare. Tagliatele in quattro e versatele in una pentola. Aggiungete una mela tagliata a dadini, il succo filtrato di un limone e lo zucchero. Mescolate poi mettete la pentola su una fiamma bassissima e attendete il primissimo bollore. Spegnete subito e versate tutto in una ciotola di vetro, coprite con un foglio di carta forno. Lasciate raffreddare poi fate riposare in frigorifero per una notte.
  2. Se non amate la confettura con i pezzi di frutta allora passatela con un frullatore ad immersione. Versate nuovamente la confettura nella pentola e lasciatela cuocere a fiamma bassa, togliendo di tanto in tanto la schiuma che si formerà in superficie. Per la cottura ci vorranno circa 45 minuti. Verificate la giusta consistenza versando un cucchiaino di confettura su un piattino freddo. Se non colerà troppo allora sarà pronta.
  3. Versate la confettura bollente nei vasetti sterilizzati, chiudeteli e lasciateli raffreddare capovolti.


una profumata confettura color fragola

 

6 Comments

  • Tomaso ha detto:

    Cara Marina, sai ha me piacciono da morire le fragole, peccato che mia mogie è allergica.
    Potrai immaginare le difficoltà di averne un casa.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

  • ipasticciditerry ha detto:

    Buona buona. Fatta anche io in passato con questo metodo. Quest’anno l’ho fatta in maniera classica e ho messo ancora meno zucchero di te: il 30% Il mio contadino mi vizia, siccome sa che amo fare le conserve (e un vasetto se lo becca anche lui) mi “regala” la frutta a fine stagione. Nel senso che me la fa pagare pochissimo. Quest’anno una cassetta, cinque euro. dopo che le ho pulite e mangiate un sacchissimo, erano tre chili e passa di fragole. Perciò direi quasi regalate, no?

    • Marina Riccitelli ha detto:

      Devo farla con meno zucchero, perché anche se ce ne metto di meno mi sembra sempre troppo dolce!Anch’io sono sempre tentata dall’acquistare le cassette, ma poi ho sempre paura di non fare in tempo a utilizzarle!

  • Laura De Vincentis ha detto:

    Esattamente come te. Quando trovo le fragole come garbano a me devo sempre prenderne di più perchè lavandole ne mangio la metà! deliziosa questa confettura, semplice, genuina ma piena di gusto. Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.