pere in vino bianco e cardamomo

Eccola la mia prima ricetta di Yotam Ottolenghi, non certo la prima che faccio ma è la prima che pubblico sul blog.

Sfogliare un suo libro equivale a respirare veramente i profumi intensi delle strade di Gerusalemme: qui siamo nella zona est dove se annusi l’aria, il vento ti riporta l’odore di caffè fresco e cardamomo servito nei locali della città vecchia. E tu annusi e guardi le foto di questi piatti meravigliosi.

Facile farsi venire fame sfogliando un libro di Yotam (solo il nome, così come lo chiamano tutte le sue fans sfegatate e ne conosco un sacco!): colori, foto bellissime e piatti superbi, perchè lo stile di questo chef per me è unico, è pieno di contaminazioni asiatiche, mediterranee, nordiche.

Ho scelto un dolce apparentemente modesto, molto facile da fare ma che quando lo assaggi ogni senso del nostro corpo viene stimolato e gratificato, veramente diventa una esperienza multisensoriale. Provate e mi direte!

Print Recipe
pere in vino bianco e cardamomo
un dolce apparentemente modesto, molto facile da fare ma che quando lo assaggi ogni senso del nostro corpo viene stimolato e gratificato, veramente diventa una esperienza multisensoriale.
Porzioni
2 persone
Ingredienti
  • 4 pere sode (io pere coscia)
  • 400 ml di vino bianco
  • 1/2 cucchiaio di succo di limone
  • 130 g zucchero
  • 10 semi di cardamomo
  • 1/2 cucchiaino di stimmi di zafferano
  • 1 pizzico di sale
Porzioni
2 persone
Ingredienti
  • 4 pere sode (io pere coscia)
  • 400 ml di vino bianco
  • 1/2 cucchiaio di succo di limone
  • 130 g zucchero
  • 10 semi di cardamomo
  • 1/2 cucchiaino di stimmi di zafferano
  • 1 pizzico di sale
Istruzioni
  1. In una pentola versare il vino, il succo di limone, lo zucchero, i semi di cardamomo leggermente pestati, lo zafferano ed il sale. Portare ad una leggera ebollizione. Sbucciare le pere lasciandole intere e immergerle nel vino caldo, dovranno esserne coperte eventualmente aggiungere un po' d'acqua. Coprire con della carta forno e cuocere fino a completa cottura delle pere, girandole ogni tanto. A cottura ultimata, non dovranno sfaldarsi, ma essere piene e vellutate. Eventualmente fate una prova con la lama di un coltello, dovrà entrare senza resistenze,
  2. Togliere le pere dal liquido e continuare l'ebollizione facendolo restringere fino ad ottenere una consistenza sciropposa.
Recipe Notes

Il nostro bellissimo e bravissimo chef serve le pere con un'aggiunta di panna fresca.

More from Marina Riccitelli
lemon poppy seed cake
Anche questo mese partecipo allo scambio ricette organizzato dalle mie amiche Bloggalline...
Read More
Join the Conversation

9 Comments

  1. says: edvige

    Pere cosi ma senza zucchero ok anche per me mi erano sfuggite cosa vuoi tra il caldo gli operai impossibile tenere spalancato soffia bora fortissima e spacca tutto e devono andare a rilento.. è una passione grrrrr. Bacioni

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.