tagliatelle contadine

Quando con le mie amiche decidiamo di concederci un pranzetto consolatorio, rigenerante e rilassante, ce ne andiamo in una spaghetteria vicinissima alla Fontana di Trevi dove da un menu ricchissimo con circa 200 tipi di piatti di spaghetti, noi scegliamo sempre loro: gli spaghetti alla contadina. Sono spaghetti cotti benissimo, conditi con un intingolo a base di cicoria al pomodoro  ripassata in padella e arricchiti con pecorino saporitissimo.  Talmente buoni che ogni tanto a casa me li rifaccio. Stavolta senza spaghetti, ma con una pasta  fresca degna di portare questo nome.
Gli ingredienti per 3 persone: 1 confezione di tagliatelle fresche Rosso Giovanni Rana (buonissime, al pomodoro e leggermente piccanti, con questo condimento ci stanno proprio bene), 500 gr. di cicoria (possibilmente quella piccola), 1 scatola di pomodori pelati, 2 spicchi di aglio, peperoncino, olio extra vergine di oliva Dante, 1 bella manciata di pecorino grattugiato.
Per prima cosa ho mondato e lavato per bene la cicoria, l’ho cotta in acqua bollente salata, e l’ho scolata per benino. Ho preparato in una padella l’olio, i due spicchi di aglio ed il peperoncino, li ho fatti soffriggere ed ho aggiunto i pelati passati, ho salato e ho lasciato cuocere fino a raggiungere la giusta cottura e densità. A questo punto ho aggiunto la cicoria e l’ho lasciata insaporire per bene nel sugo.
Ho cotto la pasta, l’ho mantecata nel sugo e ho impiattato spolverando di buon pecorino grattugiato.
Provatela, perché è un condimento rustico ma con un sapore eccezionale. 

21 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.