La cirioletta romana

la cirioletta romana
la cirioletta romana

La cirioletta romana

Il tema de L’Italia nel piatto di questo mese: il pane tra usanze e tradizioni storiche, sarà un viaggio incredibile tra farine, lievito e profumo di pane appena sfornato.

La ciriola o cirioletta è un pane tipico della città di Roma, diffuso in tutto il Lazio.

E’ un pane semplice, con una forma allungata sulla cui superficie si pratica una incisione per la lunghezza che in cottura si allargherà dando la caratteristica forma alla ciriola.

Ha una crosta molto croccante ed è ricco di mollica, ideale per essere farcito e dal momento che la sua croccantezza non resiste a lungo, si presta volentieri ad essere riciclato.

Infatti, il giorno dopo è buonissimo come crostino, affettato e cotto in forno con mozzarella e alici, prosciutto e formaggio senza contare che la sua corposa mollica è adattissima per fare la scarpetta.

La cirioletta nel tempo

Durante la seconda guerra mondiale quando il cibo era scarso e razionato, il governo fascista mise in circolazione la “tessera annonaria” con la quale le famiglie romane ricevevano anche la loro razione giornaliera del pane, una ciriola a testa.

Successivamente, nel dopoguerra, per lungo tempo la ciriola è stata il pranzo di chi era costretto a lavorare fuori casa, il panino dei manovali, spesso imbottito di “broccoletti ripassati e salsiccia“.

Poi è caduto un po’ in disuso, per fare spazio alla rosetta, alta, croccante e vuota all’interno (qui la mia versione) ma anche a tanti altri pani, vere e proprie eccellenze del Lazio.

Ultimamente la ciriola, o in versione più piccola “la cirioletta” è tornata a far parlare di sé:

infatti molti forni la preparano e mangiarla calda è un vero piacere.

A Roma esiste un posticino delizioso, si chiama guarda caso “Dar Ciriola”, qui questi deliziosi panini vengono riempiti con strati di prodotti eccellenti, creando moltissimi abbinamenti, da quelli semplici a quelli più fantasiosi e gourmet.

Se capitate da queste parti provate questo locale o cercate l’apetta street food, non ve ne pentirete.

La mia versione

Per la mia cirioletta ho seguito un tutorial molto preciso su youtube e, anche se il tipico spacco non mi è venuto perfetto, la giusta lievitazione, il profumo di pane fresco e la croccantezza del panino mi ha pienamente soddisfatto.

Io l’ho imbottita di mortadella, perché a Roma la cirioletta è come la pizza bianca: ripiena di mortadella dà il meglio di sé.

Vi lascio la ricetta e il link al canale di youtube di Barbara Frangi dove viene spiegato benissimo come procedere.

la cirioletta romana
Print Recipe
La cirioletta romana
il croccante panino romano
Porzioni
10 ciriolette da 100 g circa l'una
Ingredienti
Per la biga
  • 500 g farina di tipo 0
  • 225 g acqua a temperatura ambiente
  • 5 g lievito di birra fresco
Per l'impasto principale
  • la biga
  • 500 g di farina 0
  • 425 g di acqua a temperatura ambiente
  • 2 g di lievito di birra fresco
  • 20 g di sale
Porzioni
10 ciriolette da 100 g circa l'una
Ingredienti
Per la biga
  • 500 g farina di tipo 0
  • 225 g acqua a temperatura ambiente
  • 5 g lievito di birra fresco
Per l'impasto principale
  • la biga
  • 500 g di farina 0
  • 425 g di acqua a temperatura ambiente
  • 2 g di lievito di birra fresco
  • 20 g di sale
Istruzioni
Preparare la biga
  1. Preparate la biga sciogliendo il lievito nell'acqua. Poi aggiungete la farina e mescolate senza impastare per ottenere un composto non omogeneo ma abbastanza sfilacciato. Sigillare la ciotola con della pellicola e lasciate maturare l'impasto in un luogo fresco per circa 15/16 ore. E' molto tempo, ma potrete organizzarvi bene calcolando il momento in cui sarete pronti per infornare.
Impasto
  1. Trasferite la biga nella ciotola della planetaria e aggiungete circa 200 g di acqua prelevata dai 425 g previsti per l'impasto. Utilizzando la frusta K fate sciogliere la biga il più possibile. Aggiungete poi la farina, i due grammi di lievito e la rimanente acqua. Impastate facendo in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino tra di loro, aggiungete il sale e lasciate assorbire. Sostituite la frusta con il gancio e impastate a bassa velocità per almeno 15 minuti, fino a quando le pareti della ciotola saranno pulite e l'impasto ben incordato.
  2. Spolverate leggermente di farina il piano di lavoro e rovesciateci l'impasto. Fate un po' di pieghe, pirlate un pochino poi copritelo e lasciatelo riposare fino al raddoppio (un paio d'ore circa)
  3. Riprendete l'impasto e tagliatelo in pezzi da circa 100 g l'uno. Allargate e stendete con le mani ogni panetto, poi arrotolatelo su sé stesso, dandogli una forma cicciotta ma allungata e cercando con le dita di appuntire le estremità. Poggiateli sulla teglia in cui li cuocerete ricoperta di carta forno. Coprite e lasciate lievitare ancora un po', raddoppieranno in breve tempo.
  4. Accendete il forno a 220° mettendo sul fondo un pentolino pieno d'acqua e lasciatelo arrivare a temperatura. Con la lama di un coltello oppure con una lametta, incidete per la lunghezza la superficie delle ciriole.
  5. Prima di infornarle spruzzate le pareti del forno con acqua, poi infornate e lasciate cuocere per circa 20/25 minuti. Sfornatele e lasciatele raffreddare su una gratella.
Recipe Notes

La ricetta di queste ciriolette (che non avevo mai preparato in vita mia) l'ho trovata su you tube, un video che ho studiato a lungo per cercare di capire ogni passaggio. Il canale è quello di Barbara Frangi, una bravissima insegnante, vi lascio il link al video youtube, perché è veramente esaustivo, senza contare quante dritte e consigli utili ci dà mentre impasta. E poi date un'occhiata al suo canale e al suo blog perché impasta pani e pizze veramente super golosi! .

l'Italia nel piatto

Il pane: tradizioni e usanze nelle regioni italiane, ma prima di vedere le ricette un piccolo appello:

Siamo alla ricerca di un/una blogger che rappresenti il Friuli Venezia Giulia nel gruppo dell’Italia nel Piatto. Ogni mese presentiamo un tema culinario e la rappresentante della regione propone la sua ricetta legata alle tradizioni e agli usi locali. Se hai voglia anche tu di far conoscere la tua passione per la cucina e l’amore per il tuo territorio scrivici, saremo felici di averti con noi. 

Valle d’Aosta: Il pane nero nella cucina valdostana: storia, tradizione e ricette – Budino di pane nero

Piemonte: Grissia Monferrina

Lombardia: La Michetta o Rosetta

Trentino-Alto Adige : Schüttelbrot – Pane di segale croccante


Friuli Venezia Giulia: La Panada Friulana

Veneto: La puccia, il pane di segale di montagna

Emilia Romagna: Il Pane di S. Petronio

Liguria: i pani della Liguria

Toscana: Pane fritto toscano

Marche: Filone casereccio marchigiano

Umbria: Pan mostato – Pane umbro tipico del periodo della vendemmia

Abruzzo: Pane con patate abruzzese

Molise: Il pane molisano dalle tavole alle feste

Campania: Pagnotte di Santa Chiara

Puglia: La puccia salentina

Basilicata: Il pane di Matera

Calabria: Il pane di Canolo

Sicilia: La Mafalda Siciliana

Sardegna: Il pane in Sardegna

Italia nel piatto: https://litalianelpiatto.blogspot.com/ su Facebook

https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/

su Instagram https://www.instagram.com/italianelpiatto/

More from Marina Riccitelli
la mia ricetta più cliccata per la raccolta di Milla
Con molto piacere accolgo l’invito di Milla a partecipare alla Eat Parade...
Read More
Join the Conversation

17 Comments

  1. Marina, mi hai fatto tornare in mente dei ricordi bellissimi…Quando ero studentessa a Roma, adoravo farmi preparare la ciriola con la mortadella, era la mia merenda preferita! Le tue ciriolette sono stupende, assolutamente perfette!
    Un abbraccio grande,
    Mary

  2. Sono bellissime le tue Ciriole! Brava, poi me le presenti con la mortadella … sarà anche l’ora, non so, ma io mi mangerei lo schermo! La prossima volta che vengo a Roma cerco questo locale. Già presso un apetta, una delle tante volte che ci sono stata, la pizza e mortazza non ho potuto fare a meno di prenderla. E che te lo dico a fare?? Buona settimana Mari, un bacio

  3. says: Sabrina

    Beh, come non apprezzare una bella ciriola, soprattutto se me la presenti con della mortadella?
    Un must per noi romani, ma apprezzata e replicata un pò ovunque!
    Le tue ciriole son perfette poi, complimenti!

  4. says: Miria

    e con queste mi hai fatto tornare indietro di molti anni, le adoro, sono perfette per un panino, mamma mia che ricordi
    Apresto

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.