le mie patate Hasselback

Patate al forno, patate bollite, patate fritte, frittata di patate, purea di patate.. se ogni giorno proponessi un piatto di patate,  mia figlia farebbe sempre festa . Le piacciono da morire, le adora cucinate in tutti i modi e in tutte le forme ma non fatele pasta e patate: quella no, non la sopporta proprio.. a causa forse di qualche ricordo non proprio piacevole dei pasti all’asilo…comunque per farla contenta le patate non mancano mai sulla tavola, ogni tanto faccio qualche tortino, giorni fa le ho fatte perfino a fette sulla piastra, ha detto che erano buonissime! 
Ieri mi sono detta: ora le faccio una sorpresa e me ne faccio una anch’io..voglio provare le patate Hasselback. Le ho sempre viste sui vostri blog, mi hanno sempre attratto e allora…  provo! E ho fatto bene perché il nome è ridondante ma l’esecuzione è talmente elementare che le rifarò ancora, e poi ancora e poi ancora, insomma sono piaciute parecchio.

Sono nate in Svezia (per la precisione a Stoccolma) e prendono il nome dal ristorante che le ha proposte per primo, sono particolarissime poichè si mangiano con la buccia quindi bisogna fare molta attenzione, lavarle bene e strofinarle con uno spazzolino per togliere ogni residuo di terra.
Come ho già detto prima ho lavato benissimo le patate spazzolandole per eliminare ogni più piccolo residuo di terra. Poi con il coltello le ho tagliate a fette cercando però di non arrivare fino al  fondo che deve rimanere una base intatta. Le ho disposte su una teglia ricoperta di carta forno, ho spolverizzato le patate con l’insaporitore Ariosto, un filo d’olio extra vergine e in forno a 200° per parecchio…circa 50-60 minuti.  Qualche minuto prima della fine della cottura le ho passate sotto il grill del forno per consentire alla buccia di fare la crosticina.

Naturalmente hanno avuto un grandissimo successo. Le originali vanno irrorate con burro fuso, ma ognuno può procedere come vuole io, per esempio, la prossima volta voglio usare la paprica, per avere la buccia rossa. 
Buone!!!

Approfitto di questo post per ringraziare Debora del blog il deborino-busybee del premio bellissimo ed impegnativissimo che mi ha voluto regalare:
Grazie Debora! Il tuo blog è delizioso spero di riuscire a rispettare le regole..ma se non dovessi farcela.. ti prego non me ne volere…Un bacio grande a te e a tutti coloro che leggono!!!
More from Marina Riccitelli
una cucina coloratissima con Lekuè!!
Ne ho sempre sentito parlare di Lékué ma prodotti da vicino non...
Read More
Join the Conversation

31 Comments

  1. says: ILDeborino

    Ciao! Lo so che il premio è un po' impegnativo, ma è un'idea carina per conoscersi meglio. Io ci ho messo un po' a compilare il mio, quindi niente paura! 🙂
    Un abbraccio.

  2. says: Ely

    Che patate fantastiche! Sono semplici da fare e fanno proprio una bella scena nel piatto! 🙂 Complimenti anche per il premio, stella! 🙂 Una felice serata!

  3. says: Tonia

    Buonissime….tua figlia ha perfettamente ragione le patate sono golose in tutte le versioni, peccato però che non le gradisca con la pasta, ma queste sono spettacolari…!!

  4. says: Valentina

    Ehhhh cara Meri… io sono come tua figlia! 😀 Adoro le patate in tutti i modi… e queste qui devono essere squisite!!! Bravissima, immagino la sua gioia! 😀 Non le ho mai fatte, proverò 😉 Per la pasta e patate: hai mai provato a farle pasta, patate e provola al forno? E' troppo buona… 😉 Un abbraccio e complimenti, buona serata :**

  5. says: gwendy

    Stupende queste patate,sarà che a me piacciono in tutte le maniere!!!L'insaporitore Ariosto io lo uso sempre per le mie patate arrosto,lo trovo ottimo.

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.