pane ai fiocchi di mais

Era da tanto tempo che non facevo più il pane. Mi ero un po’ demoralizzata, non lievitava più bene, cuoceva male, restava duro insomma i miei successi iniziali sembravano solo un ricordo! Ma le farine magiche che mi sono arrivate, una manitoba l’altra specifica per pane e  ciabatte mi hanno convinto a riprovare. Sembrava quasi che mi strizzassero l’occhio. Allora stamattina ho preso la mia vecchia teglia di alluminio, quella tutta storta e consumata dove però il pane mi veniva una meraviglia, ho fatto una visitina al mio amico Vittorio, ho riletto un po’ delle sue ricette e la voglia e la sicurezza  mi sono tornate. Ho deciso poi di utilizzare i fiocchi di mais della colazione…colazione che viene fatta con tutto ad accezione dei fiocchi di mais….ed ecco il mio pane ai cereali, anzi ai fiocchi di mais. Ma ce n’è anche uno semplice.

Gli ingredienti:  375g acqua, 250 g di farina magica matitoba Lo Conte, 250 g. farina magica per pane e focaccia Lo Conte, 1 cucchiaino di zucchero (per nutrire il lievito), 2 cucchiaini di sale, 1 bustina di lievito d birra, 1 tazza di fiocchi di mais.
Ho sciolto  il lievito nell’acqua nella ciotola del miscelatore, poi ho  aggiunto metà delle farine che avevo già miscelato insieme. Ho cominciato ad impastare, poi ho aggiunto lo zucchero e dopo un po’ dell’altra farina. Successivamente sempre impastando ho aggiunto la restante farina. Quando non c’è più stata traccia di lievito ho unito 2 cucchiaini di sale. Ho continuato a mescolare fino a quando la pasta non ha cominciato a staccarsi dai bordi. Ancora 10 minuti e si comincerà a vedere l’impasto bello  liscio che rimarrà tutto attaccato alle fruste. A questo punto è pronto.
Ad una metà ho aggiunto una tazza di fiocchi di mais e ho impastato per bene.
Poi ho preso due larghe ciotole le ho oliate perbene e vi ho versato i due impasti coprendo con una pellicola. Hanno lievitato nel forno chiuso 3 ore.
Ed ora i fantastici trucchetti di Vittorio: ho inumidito il piano di lavoro e ci ho steso  sopra due fogli di pellicola facendola ben aderire al tavolo. Poi siccome l’impasto è abbastanza appiccicoso ho cosparso la pellicola di farina e di un colpo ci ho versato sopra il primo impasto. Non l’ho toccato troppo ma con una spatola mi sono aiutata per stenderlo un po’ a forma di filone. A questo punto ho ricoperto la mia fedele teglia di carta forno e qui il secondo trucchetto di Vittorio: ho cosparso la carta con farina di polenta che essendo bella grossa ha impedito al pane di attaccarsi e ha fatto si che cuocesse bene anche sotto. Prendendo i lembi della pellicola ho rovesciato il filone sulla teglia e  l’ho aggiustato un po’. 
Nel frattempo, il forno era acceso a 250° (l’avevo detto? non mi pare), ho inserito una ciotola d’acqua sul fondo per mantenere l’ambiente umido, poi con lo spruzzino ho inumidito il pane e le pareti del forno. Ho infornato  e dopo 10 minuti ho abbassato la temperatura a 210° fino a vedere quella bella crosticina dorata: ci vorranno circa 35/40 minuti di cottura.
Un profumo meraviglioso, Ancora una volta grazie a Vittorio il mio pane è riuscito benissimo! Tra l’altro quello con i fiocchi di mais aveva un sapore particolarissimo ed una crosta veramente deliziosa!

21 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.