torta (quasi) quattro quarti napoletana

torta quasi quattro quarti napoletana
torta (quasi) quattro quarti napoletana

Ecco un altro dolce di Yotam Ottolenghi: la torta quattro quarti napoletana.

La torta quattro quarti è una ricetta della pasticceria francese, tipica della Bretagna è composta di quattro ingredienti che sono utilizzati in uguali proporzioni: burro, uova, zucchero e farina .

Come ogni ricetta che si rispetti, anche questa si presta a varie interpretazioni e ad aggiunte di ingredienti come aromi o decorazioni:

in questo caso l’autore l’ha definita napoletana poiché ha utilizzato i colori del gelato napoletano, rosa, marrone e crema.

Sebbene guardando le mie foto salti subito all’occhio l’assenza del colore rosa, voglio rassicurarvi sul fatto che prima della cottura c’era eccome, ed era anche un bel rosa intenso:

in forno però si è spento e amalgamato al resto della torta, dunque ho utilizzato una glassa rosa per ricrearne l’effetto.

Comunque, si tratta di una torta ideale per la colazione, fantastica da inzuppare e molto soddisfacente sia per quanto riguarda il sapore sia per la consistenza, soffice e molto generosa.

Al nome quattro quarti napoletana ho aggiunto il quasi, perché non solo non ha il colore rosa per poter essere definita napoletana ma non contiene burro, tipico della ricetta originale.

Il sapore quindi sarà senz’altro diverso da quello di una quattro quarti originale e soprattutto da quella descritta da Yotam Ottolenghi, uno dei miei punti di riferimento in cucina.

Il suo libro Sweet, infatti, lo considero un vero paradiso, una tentazione alla quale resisto fin troppo…

Per questo spero che, prima o poi, qualche golosone senza voglia di cucinare mi commissioni un dolce godurioso e allora si che lo renderò felice!

torta (quasi) quattro quarti napoletana
Print Recipe
torta (quasi) quattro quarti napoletana
la colazione è servita
Porzioni
10/12 fette per uno stampo da 23 cm di diametro
Ingredienti
  • 90 ml di latte io senza lattosio
  • 20 ml di latte per sciogliere il cacao
  • 6 uova
  • 300 g di farina 00
  • 300 g di zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 240 g di olio di semi di arachide o se preferite 300 g burro morbido
  • 20 g di cacao in polvere
  • 1 o 2 gocce di colorante alimentare rosso
per la glassa
  • 50 g di zucchero a velo
  • qb acqua bollente
  • 1 goccia di colorante alimentare rosso
Porzioni
10/12 fette per uno stampo da 23 cm di diametro
Ingredienti
  • 90 ml di latte io senza lattosio
  • 20 ml di latte per sciogliere il cacao
  • 6 uova
  • 300 g di farina 00
  • 300 g di zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 240 g di olio di semi di arachide o se preferite 300 g burro morbido
  • 20 g di cacao in polvere
  • 1 o 2 gocce di colorante alimentare rosso
per la glassa
  • 50 g di zucchero a velo
  • qb acqua bollente
  • 1 goccia di colorante alimentare rosso
Istruzioni
  1. In una ciotola versate 90 g di latte, le uova e l'estratto di vaniglia. Sbatteteli leggermente con una forchetta per farli amalgamare. Nella ciotola della planetaria setacciate la farina e il lievito unite zucchero e sale e mescolate con la spatola a velocità bassa per mescolarli. Unite l'olio (o il burro a pezzetti) e poi inserire in due volte il composto di uova assicurandovi di aver amalgamato bene la prima parte prima inserire la seconda.
  2. Ora dividete questo composto ottenuto in tre ciotole. Scaldate i 20 ml di latte e scioglieteci dentro il cacao poi versatelo nella prima ciotola e mescolate per amalgamare. Tingete il composto della seconda ciotola con il colorante rosa e mescolate. La terza ciotola resta bianca. Imburrate e spolverate di farina lo stampo poi versate gli impasti in sei volte, due per ogni colore, alternandoli. Poi passate la lama di un coltello o uno stecchino lungo nell'impasto per formare internamente l'effetto marmorizzato.
  3. Infornate per circa 40 minuti (ogni forno è diverso, vale la prova stecchino) in forno già caldo a 180° se ventilato, 200° se statico. Sfornate e lasciate raffreddare benissimo prima di sformarla.
glassa
  1. In una ciotolina mettete lo zucchero a velo e una goccia di colorante. Aggiungete l'acqua bollente goccia a goccia per creare una glassa della giusta consistenza. Aggiustate il colore aggiungendo se credete altro colorante e qualora la glassa fosse troppo lenta unite altro zucchero a velo.
More from Marina Riccitelli
Ciak si cucina! Puntata ai Castelli Romani
Domenica sera ho partecipato ad un evento carinissimo!  Una puntata di Ciak...
Read More
Join the Conversation

4 Comments

  1. Buona la quattro quarti. Io la faccio sempre usando il mascarpone o la ricotta al posto del burro. Non ho mai provato con l’olio. Io la trovo bellissima anche con due colori. Molto elegante

  2. says: edvige

    Buono ho anch’io il ricettario di Ottolenghi Jerusalem ma sinceramente le ricette che piacciono a me non trovo la materia prima altre…. no decisamente non ce feeling.
    Buona serata.

  3. Io la trovo molto carina e sono certa anche buonissima! Certo che sacrifici dobbiamo fare sempre? Io non dovrei lamentarmi perchè alla fine mi sono sempre strafogata di dolci, fino a una ventina di anni fa ma ora le cose sono cambiate e per la salute, mi tocca rinunciare quasi sempre, mannaggia alla miseria! Buona settimana Meri, un abbraccio

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.