bucatini alla puttanesca, versione romanesca

piccanti e saporiti i bucatini alla puttanesca
Questo è il tempo di pasta fredda da mangiare con piacere il giorno dopo, a cena, in ufficio, al mare. Certo magari al mare e in ufficio i bucatini sono poco pratici ma basta cambiare il formato della pasta perché il gusto rimane intatto. Questo piatto ha origini napoletane e ci sono varie versioni che ne spiegano il nome ma ne esiste una versione romana che vede l’aggiunta, tra gli ingredienti, delle alici. Del resto a noi romani le alici piacciono tanto, nelle frittelle di fiori di zucca, sui crostini di pane spalmati di burro, con l’aceto nelle puntarelle ed anche nella puttanesca, appunto.

 

piccanti e saporiti i bucatini alla puttanesca

 

Gli ingredienti per tre persone: 200 g. di bucatini, 6 pomodori belli rossi, una manciata generosa di capperi, una decina di olive nere  di Gaeta, 3 filetti di acciughe sotto sale, aglio e peperoncino Ariosto, sale, olio extra vergine di oliva, basilico, prezzemolo.
piccanti e saporiti i bucatini alla puttanesca
Aggiungere in una larga padella olio extra vergine e una buona dose di aglio e peperoncino Ariosto e lasciar riposare un po’, serve a far sprigionare tutto il sapore delll’insaporitore.
Nel frattempo dissalare le acciughe, snocciolare e tagliare grossolanamente le olive, sciacquare i capperi, tritare prezzemolo e basilico, lavare i pomodori e tagliarli a filetti.
A questo punto aggiungere nell’olio caldo le acciughe e farle sciogliere, unire le olive ed i capperi far rosolare poi unire i filetti di pomodoro e salarli, ma non troppo. Lasciar andare per un po’ il tempo che il pomodoro appassisca un pochino, unire il prezzemolo ed il basilico tritati.
Cuocere i bucatini al dente e farli saltare nella salsa. Si possono mangiare subito oppure farli freddare come ho fatto io, i sapori si manterranno egregiamente.
piccanti e saporiti i bucatini alla puttanesca
piccanti e saporiti i bucatini alla puttanesca
More from Marina Riccitelli
grano mediterraneo
E’ la mia prima volta con il grano! E pensare che non...
Read More
Join the Conversation

22 Comments

  1. says: Rosy

    Ciao Marina, la tua pasta alla puttanesca è perfetta, eseguita a regola d'arte e perfettamente amalgamata con tutti gli ingredienti:))bravissima come sempre, complimenti, mi sta venendo di nuovo fame nonostante abbia già cenato in quanto la tua pasta ha un aspetto troppo ma troppo invitante:)))
    un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

  2. Che bello questo piatto, racchiude proprio tutto il sapore dell'estate 😀 Splendida anche la presentazione, complimenti!!!!
    Passo anche x salutarti, sono in partenza e non credo di riuscire a tornare a trovarti..a presto e felice domenica <3

  3. Io l'ho conosciuta in questa versione la puttanesca, con le acciughe sotto sale, appunto, ma non sapevo che ci fosse una versione romana e una napoletana. Comunque è buonissima, e come l'hai presentata tu è anche molto coreografica. Complimenti!

  4. says: Any

    Le ricette della tradizione sono sempre buone, in tutte le versioni.
    Buonissima questa pasta, presentata benissimo, complimenti Marina! Buona domenica!

  5. says: Caterina

    Wow Marina che piatto e che presentazione impeccabili!!! Bellissimi i tuoi bucatini da vedere e sicuramente buonissimi da mangiare…complimenti…buona domenica…un abbraccio

  6. says: Luna B

    Da buona romana adoro i piatti tipici romani 😀 E da buona golosona adoro la tua cucina ed i piatti che prepari, come questo ad esempio con la tua aggiunta di "romanità" al piatto 😀

  7. Mio padre ha sempre cucinato poco, non aveva tempo anche se credo che in realtà gli piacesse molto. Ora che ha più tempo si dedica ad altro ma la cucina gli è rimasta nel cuore. Gli spaghetti alla puttanesca erano uno dei suoi piatti forti, e leggere la tua ricetta mi ha fatto fare un piacevole salto indietro nel tempo. Grazie, per la ricetta, per le belle parole spese per me, per tutto. Un grande abbraccio!

  8. Meri ma lo sai che io romana, datemi tutto ma non le alici?? Sarà che mi ricordo mio nonno che le faceva sotto sale e l'odore che si creava nel tinello… brrrrr! Però però quando vanno ad insaporire così ci stanno molto bene, lo devo ammettere!

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.