una quasi….tarte tatin alle arance

Un po’ come le sorelle Tatin ho stravolto questa ricetta…loro hanno per sbaglio creato uno dei dolci più gustati  e amati di Francia, io ho creato…niente di innovativo…ma un dolce che si crede una tatin! Intanto via le mele, avanti arance, frutto molto più colorato e invogliante in questo inverno grigio. E poi con la complicità di una buonissima marmellata di arance ecco spuntare l’ideuzza per partecipare al contest di Cucina e Cantina!
Gli ingredienti: 4 arance, 4 cucchiai di marmellata di arance, 75 g. di burro, 200 g. di zucchero. Per la pasta brisè: 200 g. di farina, 100 g. di burro, 70 m di acqua ghiacciata.
Per prima cosa ho preparato la pasta brisè mettendo nel frullatore la farina, il burro a pezzi freddo di frigo, un pizzico di sale e ho frullato tutto fino ad ottenere un composto farinoso. Ho versato il composto a fontana sul tavolo ed ho impastato velocemente aggiungendo poco alla volta l’acqua fredda . Dovrà diventare sodo ed elastico. L’ho avvolto nella pellicola e l’ho lasciato riposare in frigo per 30 minuti.
Dopo aver lavato benissimo le arance le ho tagliate a fette. Ho preso la tortiera, l’ho imburrata per bene e ho aggiunto buona parte dello zucchero. Ci ho disposto sopra le fette di arance e le ho cosparse con altro zucchero, poi un altro strato di arance. Ho messo la tortiera sul fuoco con uno spargi fiamme e a fuoco basso ho lasciato cuocere fino a che lo zucchero non si è imbiondito (è un po’ difficile da vedere perché le arance lo colorano un po’). Ho lasciato intiepidire. Nel frattempo ho steso la pasta brisè. Ho aggiunto alle arance 4 cucchiai di marmellata e ho coperto con la pasta chiudendo i bordi verso il basso per coprire le arance. L’ho punzecchiata con uno stecchino e ho infornato a 220° per circa 20 minuti e poi ho abbassato la temperatura a 180° per altri 15 minuti. Ho sfornato e l’ho capovolta immediatamente altrimenti lo zucchero si sarebbe solidificato. Attenzione a quest’ultimo passaggio perché lo zucchero è molto ma molto caldo!!!
E’ venuta molto buona, non proprio una tatin ma una sua rivisitazione…..
Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Natale con Mariangela Prunotto   
www.cucinaecantina.net

26 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.