La grattachecca

lo street food romano dell'estate

rinfrescante e golosa questa grattachecca al gusto lemon cocco

Ancora un tema bellissimo per L’Italia nel piatto nel mese di giugno:  “Lo street food: ogni angolo della nostra bella Italia ha un cibo di strada amatissimo!”

Ed è proprio così, infatti scegliere è stato difficile, perché  nella mia regione se ne contano tantissimi di cibi da mangiare per la strada, passeggiando in relax, alcuni veramente appetitosi come la pizza, i supplì, i filetti di baccalà, il panino con la porchetta, il maritozzo con la panna e tanti altri ancora.

Ma siccome andiamo verso l’estate, verso la stagione calda quando siamo sempre alla ricerca di qualcosa che ci dia refrigerio,  ho deciso di offrirvi una “grattachecca“, un must delle estati bollenti romane.

Un nome particolare no?  “checca” era il nome con il quale veniva chiamato il  blocco di ghiaccio usato per il raffreddamento quando non c’erano i frigoriferi: il ghiaccio si grattava con un raschietto di ferro, le  scaglie di ghiaccio si versavano nei bicchieri e poi si  ricoprivano di  sciroppi o di spremute fresche.  Nata tra i vicoli di Trastevere,  è uno degli street food  più amato dai romani ed è apprezzata da tutti i turisti che da sempre affollano la città.

Le grattachecche si vendono nei tipici chioschi sparsi per tutta la città: sul lungotevere, nelle piazze e anche sulla spiaggia del litorale romano, dove si utilizzano chioschi su ruote: un vero sollievo d’estate!

Alcuni di essi ancora adesso usano la “checca”: grattano la lastra di ghiaccio, poi lo versano nel bicchiere aggiungendo  lo sciroppo o la spremuta richiesta: amarena, menta, tamarindo, cocco, limone, mandarino, arancia, melone, anguria completandola con  una bella quantità di frutta fresca: un vero mangia e bevi!

Non mancano le grattachecche alcoliche: la vodka-lemon oppure quella al gusto mojito. Ci sono poi le grattachecche dal gusto particolarissimo come la “liquiriziella” preparata  con lo sciroppo di liquirizia  e gustata attraverso una cannuccia anch’essa di liquirizia!

La mia preferita è la lemon-cocco, vi assicuro ha un gusto freschissimo ed è un sollievo gustarsela  durante le calde passeggiate serali.

Per farla ho usato un tritaghiaccio a manovella, un utensile vintage anni ’70 che apparteneva a mia mamma e che, per questo,  utilizzo sempre con grande piacere.

Vi lascio la ricetta, senza dosi, un procedimento semplicissimo.

rinfrescante e golosa questa grattachecca al gusto lemon cocco

Print Recipe
La grattachecca lemon-cocco
Un freschissimo mangia e bevi
Porzioni
Ingredienti
  • ghiaccio
  • sciroppo di cocco
  • limone
  • fette di cocco
Porzioni
Ingredienti
  • ghiaccio
  • sciroppo di cocco
  • limone
  • fette di cocco
Istruzioni
  1. Tritate il ghiaccio con il macinino e versatelo nei bicchieri. Aggiungete tre o quattro cucchiai di sciroppo di cocco, unite il succo del limone e mescolate.
  2. Assaggiate per valutare l'intensità del sapore che volete ottenere: è una questione di gusti personali. Lo sciroppo è molto dolce ed il limone lo attenua leggermente.
  3. Tagliate le fette di cocco a cubetti e posizionatele sulla sommità del bicchiere. Servite con una cannuccia ed un cucchiaino lungo.

Ecco alcuni buonissimi  street-food regione per regione!

Trentino- Alto-Adige: Strauben
Friuli-Venezia-Giulia: Polenta fritta
Veneto: Scartosso de pesse frito
Emilia Romagna: I Cassoni romagnoli

 

More from Marina Riccitelli
uova in cocotte
Per la prima volta in vita mia ho preparato le uova in...
Read More
Join the Conversation

27 Comments

  1. says: carla emilia

    Ciao Mari, quanti ricordi sono legati alla grattachecca, nonna la preparava sempre d’estate per i nipoti! Una meraviglia nella sua semplicità 🙂

  2. says: Antonietta

    Socia cara, ecco svelato il mistero della grattachecca! Chissà cosa pensavo fosse😂pensavo a qualche piatto forte romano. Farò anche io una grattachecca questa estate vincendo la mia pigrizia. Una cosa mi dispiace: mi hai fatto venire una gran voglia di vedere Roma, ma non so se questo sarà più possibile. Forse, premendo su mia figlia……te lo ripeto sempre che sei bravissima a scrivere. Un abbraccio

  3. says: edvige

    La grattachecca qui da noi non è usata, non ci sono chioschi di questo tipo e credo anche che sia proibita la vendita come anche altri chioschi per il fingerfood che li trovi solo quando sono Fiere di Ambulanti di tutta Europa, Natale ecc. Io la prima l’ho gustata a Napoli in piazza Plebiscito al caffè. Quando ero piccola..una vita fa…. si acquistava un pezzo di blocco di ghiaccio che si portava a casa era il frigorifero di una volta. La mamma che è stata per parecchi anni sia a Napoli che Roma, prima di usarlo, grattava e metteva in un bicchiere aggiungendo cosa aveva al momento, limone – caffè ecc. buonissimo li ricordo ancora oggi a 70anni di distanza. Buona serata.

  4. says: elena

    Anch’io avevo quel macchinino a manovella… e quante granite (qui le chiamano così), però questo gusto al cocco è davvero insolito, da provare! bella idea!!

  5. Marina, che meraviglia la tua grattachecca! Solo a guardarla mi viene voglia di allungare la mano…Lemon-cocco dev’essere fantastico, è un abbinamento che apprezzo moltissimo. Bravissima come sempre!
    Baci,
    Mary

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.